5 Errori che un’azienda compie su Internet

5 Errori che un'azienda compie su Internet

Sai quali sono i 5 errori che un’azienda compie su Internet? Siamo soliti pensare che tutti sappiano usare il web, ma potresti star danneggiando la tua azienda senza accorgertene. Parliamone insieme.

Internet è ormai imprescindibile nelle nostre vite, sia che si parli della sfera privata con amici e parenti, sia che si parli del mondo professionale. Oggi, qualsiasi attività che non abbia una propria presenza nel mondo digitale rischia di rimanere indietro rispetto ai concorrenti o peggio: che questa identità venga sfruttata da altri con un danno di immagine ed economico.

Ecco perché sempre più aziende cercano di rimediare assumendo un social media manager, figura essenziale nel gestire i rapporti sociali online, ma che talvolta non basta a ottenere lo scopo prefisso.

Oggi quindi parliamo di alcuni errori molto comuni che vengono commessi dalle aziende online e scopriamo come possiamo facilmente porvi rimedio.

 

1)     Social non aggiornati

 

I social network sono molto importanti per ridurre la distanza con la propria utenza, per interagire con potenziali clienti e per essere più attivi online, ma molto spesso le aziende mordono più di quanto possano masticare.

Ricordate sempre che l’aspetto più importante su un social è la costanza con cui vengono pubblicati aggiornamenti e post.

Non c’è niente di peggio di andare sulla pagina di un’azienda e vedere che l’ultimo aggiornamento risale a mesi o anni prima, poiché le persone andranno ad associare questa mancanza a un pressapochismo della azienda.

Quindi il consiglio è quello di scegliere il social che preferisci e che si presta meglio al tuo business (Facebook, Instagram, Twitter, ecc.) e aggiornarlo regolarmente. Sebbene più social siano meglio, in linea di massima, non serve a niente aprire 10 account se poi ne aggiorni solo uno.

 

2)     Azienda Troppo Giovane

 

Altro aspetto spesso legato ai social network: molte aziende cercano di raggiungere una clientela diversa da quella abituale (magari tentando di fare appeal ai più giovani) per incrementare i proprio potenziali clienti.

Per fare questo, non è raro vedere aziende che utilizzano un linguaggio non consono sul web: per quanto dimostrare una certa elasticità e conoscenza del mondo di Internet ti permetta di muoverti meglio al suo interno, è molto strano vedere un’azienda seria e con un pubblico maturo pubblicare post infantili.

Tieni sempre a mente chi è il pubblico a cui fa riferimento la tua azienda e produci contenuti per esso, senza cercare di strafare.

 

3)     Attenzione alle recensioni

 

Le recensioni degli utenti sono un’arma a doppio taglio nel tempo di Internet: da una parte, quando esse sono positive, permettono di ottenere pubblicità e aumentare la fiducia nella tua azienda. Ma quando sono negative, soprattutto se ingiustificate, possono arrecare un danno considerevole e ostacolare il nostro lavoro.

Succede molto spesso con i business che prevedano un’interazione diretta con il pubblico e spesso è possibile vedere i proprietari o i responsabili rispondere per le rime a queste recensioni.

In linea di massima non è consigliabile “abbassarsi al livello” dell’utente in questione: l’azienda deve sempre mostrare professionalità e anche quando è necessario rispondere alle recensioni poiché diffamatorie e false, è bene farlo dimostrando di avere una levatura morale più alta.

Niente offese e prese in giro: sei un professionista, non un bambino.

 

4)     La tua attività su Google

 

Sorprende, ma tantissime aziende non riscattano la propria attività su Google. Cercando il nome di una compagnia, capita di trovarne la scheda informativa su Google e Google Maps con orari e ubicazione, ma tanti proprietari non ne richiedono la paternità.

Avere il controllo su queste informazioni è molto importante: primo perché così nessun altro può farlo al posto nostro, secondo perché anche su Google riceverai la tua dose di recensioni che dovrai tenere d’occhio.

 

5)     Vecchi metodi di comunicazione

 

Sebbene si viva nel 2021, non è raro vedere realtà professionali che ancora costringono i propri utenti a telefonare per avere informazioni. Non costringere una persona a scegliere tra una telefonata o niente, poiché tante persone sceglieranno la seconda opzione.

D’altronde esiste una vera e propria ansia da telefono e gli introversi e le persone più giovani sono sempre meno propense a utilizzare questo sistema di comunicazione.

Per questo cerca di dare tutte le informazioni possibili sul tuo sito e permetti ai tuoi utenti di raggiungerti con una chat, modulo contatti e WhatsApp, quando possibile.

Prodotto Scelto: |
Prezzo:
Torna Indietro