Dalla cabina telefonica a Whatsapp: il cambiamento delle comunicazioni

Dalla cabina telefonica a Whatsapp

In altri articoli abbiamo sottolineato più volte come la tecnologia e il progresso abbiano influito sulla nostra vita di tutti i giorni. Inutile negarlo: la routine quotidiana di una persona che vive nel 2020 è profondamente diversa rispetto a quella di un suo simile di 30 o 40 anni fa.

In particolare internet e le connessioni veloci hanno avuto un impatto enorme sulla nostra quotidianità e lo avranno ancor di più in futuro: con lo sviluppo del 5G, ad esempio, sempre più compagnie e strumenti aderiranno all’Internet of Things, permettendoci di avere un approccio smart non solo nelle fabbriche, ma anche nelle case stesse (basti pensare all’uso di Alexa che si fa sempre più marcato negli anni).

Dei tanti aspetti condizionati dallo sviluppo tecnologico, sicuramente le comunicazioni e la possibilità di parlare con le persone lontane è uno di quelli più marcati.

I rapporti epistolari fatti di lettere che impiegavano giorni o settimane ad arrivare hanno lasciato il posto alle email che vengono ricevute nel giro di secondi dal momento dell’invio. Le chiamate con i minuti contati per il costo progressivo hanno lasciato il posto a messaggi vocali e chat online.

Come ogni cambiamento, anche questo è stato accolto con sentimenti contrastanti: da una parte abbiamo un netto accorciamento delle distanze, dall’altra abbiamo perso il valore “romantico” che avevano determinati gesti.

Naturalmente i benefici superano gli svantaggi: in un periodo storico dove sempre più persone si ritrovano lontane dalle loro famiglie perché costrette a viaggiare e/o a trasferirsi in paesi lontani, la possibilità di comunicare tramite i propri smartphone è senza prezzo.

Se un tempo i genitori venivano straziati dall’idea che il loro figlio viaggiasse in un altro paese alla ricerca di fortuna, non sapendo quanto tempo sarebbe passato prima di avere sue notizie, oggi la distanza fisica viene percepita con meno dolore, grazie alla possibilità di raggiungere i propri cari in ogni momento.

Ecco, quindi, che il nipote può fare la sua comparsa al pranzo dalla nonna grazie a una videochiamata o che due innamorati possono addormentarsi sentendo l’uno la voce dell’altro senza dover preoccuparsi dello scatto al minuto.

Whatsapp: la componente da considerare

Parlando di strumenti per rimanere in contatto con i nostri cari, prendiamo come esempio uno dei massimi esponenti nel settore: Whatsapp. Ci sono diversi aspetti da tenere a mente quando si parla di WA, compreso il suo impatto sui GB a nostra disposizione.

Fortunatamente ci sono due buone notizie a tal proposito: da una parte troviamo il fatto che i dati consumati da Whatsapp sono inclusi nei contratti per mobile (di cui parleremo a breve), inoltre il consumo stesso viene spesso limitato dai vincoli dell’App.

Parliamo dei video: insieme ai vocali, spesso condividiamo con i nostri amici i momenti più importanti e/o divertenti della giornata, ma che impatto ha questo sui nostri dati? Al momento, il vincolo massimo dei video è di circa 16 MB, il che si traduce in un consumo estremamente ridotto dei GB (dovremmo inviarne 64 per consumare un singolo gigabyte).

Nonostante questo, è bene ricordare che ci sono dei rischi anche nell’utilizzo di Whatsapp, soprattutto per quanto riguarda il roaming: all’estero utilizzare il famoso servizio verde può comportare dei costi non indifferenti a cui è bene fare attenzione.

Non per niente esistono servizi con un’attenzione dedicata proprio al roaming tra i vari pacchetti dedicati al mondo del mobile.

Infine, se vogliamo parlare di aspetti negativi relativi all’utilizzo di queste app, sicuramente troviamo il trattamento dei dati personali: dall’operatore di fiducia che è possibile visitare alla sua sede, forniamo le nostre informazioni a multinazionali sparse in tutto il mondo e che sono maggiormente nel mirino di hacker.

Naturalmente non è nostro desiderio fare allarmismo, ma negli ultimi anni si è assistito a una grande attenzione a questo argomento, anche con tutto il caos mediatico legato a Facebook e il trattamento dei dati personali.

Il cambiamento dei contratti mobile

Per far fronte a questo cambiamento, sono cambiati radicalmente anche i contratti telefonici dedicati al mobile: oggi non possiamo più permetterci di rimanere scollegati da Internet, in quanto spesso la maggior parte delle comunicazioni (sia per svago che per lavoro) avvengono tramite questo strumento.

Se un tempo si pagava direttamente per ogni minuto di telefonata (oltre al temibile scatto alla risposta) e per ogni SMS (per non parlare dei costosissimi MMS), i contratti mobile sono cambiati proponendo pacchetti di minuti e SMS compresi nel prezzo, fino a includere anche qualche GB per la navigazione online.

Il tutto per arrivare a contratti come Mobile L dove gli utenti possono godere di minuti, sms e GB illimitati dal proprio dispositivo.

Sebbene per alcune persone possa sembrare ridondante l’idea di dover essere connessi ogni momento della giornata, è innegabile come questo paradigma sia cambiato nel corso degli anni e di come il nostro modo di comunicare si appoggi sempre di più sulla rete internet, possiamo quindi solo immaginare come continuerà a cambiare in futuro.

Keine Nähere Details
Prodotto Scelto: |
Prezzo:
Torna Indietro